La tensione sui nervi spinali (sublussazione vertebrale) interferisce con la funzione del sistema nervoso, provocando un’interferenza nella conduzione degli impulsi nervosi ed un malessere che è alla base dell’insorgenza di malattia.

Il trattamento chiropratico riequilibra il sistema muscolo scheletrico permettendo all’energia vitale di scorrere liberamente. Si utilizza per:

· disturbi e terapia del dolore osteoarticolare
· cefalea, vertigini, nevriti

Controindicazioni: osteoporosi e malattie infettive Le manipolazioni sono state praticate anche nell’antichità. Lo accennava Ippocrate, poi i Greci e le civiltà precolombiane del Sudamerica.

Alla fine dell’800 la chiropratica nasce ufficialmente negli Stati Uniti grazie ad un guaritore canadese, Daniel David Palmer, che fonda la prima scuola nel 1897. Oggi è diffusa anche nell’occidente.